Progetto EAT

Mangiamo troppo cibo di bassa qualità e ci muoviamo sempre meno. L’energia che ingeriamo quotidianamente è frequentemente nutrizionalmente povera, ricca di zuccheri semplici e grassi, e la nostra vita è sempre più sedentaria.

È necessaria una nuova educazione, che ci insegni e ci stimoli ad uno stile di vita corretto. Il Progetto EAT Alimentazione Sostenibile, nasce proprio per focalizzare l’attenzione sul tema dell’alimentazione sostenibile, sia per l’organismo che per l’ambiente. La Fondazione del Gruppo San Donato è così entrata nelle scuole, per parlare ai ragazzi nei luoghi dell’apprendimento.

La corretta alimentazione si impara in età giovanile, e i ragazzi sono spesso influenzati da modelli sbagliati che possono portare anche ad obesità e sovrappeso, costituendo una vera minaccia per la salute. EAT si è così rivolta ai giovani tra gli 11 e i 14 anni,  per sensibilizzarli  verso comportamenti migliori, anche tramite una corretta alimentazione ed attività fisica. 

E’ nato così il Programma EAT Educational, uno strumento per entrare nelle scuole e stimolare gli adolescenti a comportamenti semplici ma virtuosi: esso si è dimostrato efficace nel modificarne lo stile di vita, aumentando la consapevolezza nella scelta degli alimenti corretti.

Visti gli ottimi risultati ottenuti, verificati anche con uno studio scientifico, il Gruppo San Donato ha deciso di fare un passo in avanti, ampliando le iniziative focalizzate sulla prevenzione: EAT è diventato quindi non solo un Programma rivolto ai teenager, ma è un Progetto di educazione alimentare rivolto a tutti, capace di farci conoscere meglio il cibo e le materie prime, e si allarga a tutti coloro che vogliano abbracciare uno stile di vita sostenibile.

EAT sarà un marchio di qualità, un contenitore di attività, di gusto e di salute. Perché l’alimentazione non è solo la migliore forma di prevenzione: è anche la più piacevole.

Non abbiamo bisogno di rinunce ma di una nuova educazione, che inizia da una migliore conoscenza del cibo. Scoprirete scelte alimentari assai gradevoli che vi faranno presto dimenticare il junk food. Ma non sentitevi sotto esame: l’alimentazione si impara con il proprio palato. È conoscenza ma anche gioco, piacere e condivisione.